top of page
  • Immagine del redattoreSerena Berneschi

"A PROPOSITO DI JAZZ DI GERLANDO GATTO": nuova recensione LA PITTRICE DI SUONI

Aggiornamento: 10 ago 2022

Da pochi giorni è uscita una nuova recensione de "La Pittrice di Suoni", questa volta all'interno dell'interessante rubrica di Geraldo Gatto "A proposito di Jazz".

Sono onorata di vedere la mia "La Pittrice di Suoni" al fianco di nomi più illustri della critica jazzistica e ringrazio personalmente Geraldo per parole di stima ed elogio.

Serena



RECENSIONE "LA PITTRICE DI SUONI"


Pochi giorni fa mi sono soffermato sulla necessità di scrivere in maniera chiara sì che tutti possano capire; chiarito questo concetto per me fondamentale, vi presento la nostra rubrica dedicata ai libri, sei volumi che sicuramente non “lo fanno strano”. Buona lettura.





Serena Berneschi – “La pittrice di suoni – Vita e musica di Carmen McRae” – Pgg.362 – € 15,00

Atto d’amore verso una grande interprete: credo che questa definizione si attagli benissimo al volume in oggetto, rielaborazione della tesi di laurea in Canto jazz, conseguita dalla Berneschi nel 2018, che esamina la vita e la carriera di una delle più grandi vocalist del jazz, troppo spesso sottovalutata. L’autrice è anch’essa una musicista: cantante, compositrice, arrangiatrice, autrice di testi e attrice di musical e teatro, oltre che insegnante di musica e canto, vanta già una buona esperienza professionale. Insomma ha tutte le carte in regola per scrivere un lavoro che cattura l’attenzione del lettore, non necessariamente appassionato di jazz. In effetti la Berneschi traccia un quadro esaustivo della personalità di Carmen McRae (Harlem, 8 aprile 1920 – Beverly Hills, 10 novembre 1994), vista non solo come musicista ma anche come donna. Di qui tutta una serie di suggestioni che inquadrano perfettamente la figura dell’artista e ci fanno capire perché sia a ben ragione considerata una delle figure fondamentali della musica jazz, capace di lasciare un’impronta indelebile nella storia della musica americana…e non solo. Il volume è suddiviso in quattro parti: La vita – La musica – Woman Talk – La discografia, tutte molto ben curate. In particolare la biografia è dettagliata, e la vita artistica della McRae ricostruita in modo tale da far risaltare le capacità dell’artista particolarmente rilevanti nell’interpretazione dei testi, suo vero e proprio cavallo di battaglia. Nella seconda parte la Berneschi si addentra in un’analisi dello stile interpretativo della McRae che prendendo le mosse dalla grande Billie Holiday se ne distaccò per esprimersi secondo stilemi assolutamente personali. La terza sezione del libro, contiene estratti di varie interviste, cui fa seguito, nella quarta sezione una discografia, suddivisa per decenni, dagli anni Cinquanta ai Novanta. Il volume è corredato da un glossario dei termini musicali e jazzistici più ricorrenti e dei brevi cenni sulla storia del jazz. Ecco francamente di questi “brevi cenni” non si sentiva assolutamente la necessità dato che sono troppo brevi per risultare interessanti a chi nulla sa di jazz, e di converso assolutamente inutili per chi questa musica segue e apprezza.
 

Su Gerlando Gatto



Nasce a Catania il 23 settembre 1946, e in questa stessa città si laurea in Giurisprudenza nel 1968. Comincia ad occuparsi di jazz sin da giovanissimo, tanto che già nei primi anni Sessanta scrive di musica su “Il Corriere di Sicilia”. Trasferitosi a Roma, diventa giornalista professionista nel 1974. Scrive di jazz sul settimanale “Il Giornale di Roma” e su altri quotidiani. Nel 1973 comincia la collaborazione con la RAI, ideando e conducendo molti programmi radiofonici per “RadioUno”, “RadioTre” e “Rai International”. Dai primi anni Ottanta collabora con riviste specializzate quali “Blu Jazz”, “Jazz” e “Jazz, Blues & Around”. Come collaboratore di queste testate, unico giornalista italiano, viene invitato spesso al “Festival du jazz de la Martinique” e al “Carrefour mondial de la guitare” sempre alla Martinica. Nel 1981-82 è uno degli estensori della “Enciclopedia del Jazz” edita da Curcio. Sempre nel 1982 si trasferisce per un anno in Norvegia dove realizza tredici puntate dedicate al jazz scandinavo per RadioUno. A partire dal 2007 collabora con la Casa del Jazz di Roma dove ha ideato e condotto otto cicli di guide all’ascolto. Dal 2007 al 2009 ha ideato e condotto programmi per il circuito Sky. Dal giugno 2007 idea e dirige un blog-newsletter dedicato al mondo del jazz, considerato dagli operatori una delle voci più autorevoli del web, intitolato appunto “A proposito di Jazz”. Nel 2017 ha pubblicato Gente di Jazz. Interviste e personaggi dentro un festival jazz (ed. Kappa Vu – Euritmica), cui è seguito l’anno successivo L’altra metà del jazz. Voci di donne nella musica jazz, edito sempre in collaborazione con l’associazione culturale Euritmica. LINK ALLA SUA RUBRICA " A PROPOSITO DI JAZZ":



37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page